Diga del Gleno 1534m

DSCF0116 L’escursione alla Diga del Gleno è abbastanza frequentata e conosciuta “purtroppo” per la tragedia che avvenne nel 1923  che disseminò morte e distruzione in Val di Scalve e perfino in Val Camonica.

DSCF0092

Il grande bacino si affacciava sull’abitato di Bueggio, misurava 4000 mq, 54 metri di profondità e 260 metri di lunghezza e conteneva circa 7 milioni di metri cubi d’acqua. Il 22 ottobre 1923 il bacino si riempi a causa delle forti pioggie e nei messi successivi la diga ebbe delle perdite. Il disastro avvenne  il 1º dicembre del 1923 alle ore 7:15 quando  la diga crollò.

DSCF0124

 

Sei milioni di metri cubi d’acqua, fango e detriti precipitarono dal bacino artificiale  a circa 1.500 metri di quota, dirigendosi verso il lago d’iseo. Il primo borgo ad essere colpito fu Bueggio. L’enorme massa d’acqua, preceduta da un terrificante spostamento d’aria, distrusse poi le centrali di Povo e Valbona, il ponte Formello e il Santuario della Madonnina di Colere. Raggiunse in seguito l’abitato di Dezzo, composto dagli agglomerati posti in territorio di Azzone e in territorio di Colere, che fu praticamente distrutto. Prima di raggiungere l’abitato di Angolo Terme, l’enorme massa d’acqua formò una sorta di lago – a tutt’oggi sono visibili i segni lasciati dal passaggio dell’acqua nella gola della via Mala  – che preservò l’abitato di Angolo, che rimase praticamente intatto, mentre a Mazzunno vennero spazzati via la centrale elettrica e il cimitero. La fiumana discese quindi velocemente verso l’abitato di Gorzone e proseguì verso Boario  e  Corna di Darfo, seguendo il corso del torrente Dezzo e mietendo numerose vittime al suo passaggio. Quarantacinque minuti dopo il crollo della diga la massa d’acqua raggiunse il lago d’Iseo. I morti furono ufficialmente 356, ma i numeri sono ancora oggi incerti.

DSCF0137

L’escursione  parte da Pianezza, frazione di Vilminore di Scalve 1265 m. da qui si  segue il segnavia n. 411 che parte in prossimità della chiesa (vicino a una fontana). Dopo un primo tratto percorso nei prati ci si addentra nel bosco, incrociando il sentiero per la “Costa Piana” e la “Baita de Napuleù”. Il percorso si dirige ripidamente verso una condotta forzata 1507 m, proseguendo parallelamente ad essa e giungendo ad una costruzione in cemento da cui parte la condotta stessa. Qui il sentiero diventa pianeggiante e costeggia i fianchi della montagna. Percorrendo la mulattiera, con passaggi esposti ,ma protetti da corrimano si arriva ai ruderi della diga, con stupendi panorami sulle pareti della Presolana.DSCF0126

 

PUNTO DI PARTENZA : Pianezza 1265 m

SENTIERO: 411

DISLIVELLO:  269m

DIFFICOLTA’: E

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...