Mese: luglio 2017

Cima di Grem 2049m

La Cima di Grem è una montagna bergamasca situata tra la val del Riso e la val Serina, fa parte del gruppo di montagne chiamate  M.A.G.A. (Menna, Arera, Grem, Alben) dove si svolge la famosa Sky Marathon. L’escursione ha inizio dal parcheggio del Passo di  Zambla che si raggiunge da Bergamo seguendo la Sp 46 della Val Seriana fino a Ponte Nossa, dove seguiamo le indicazioni per il Passo di Zambla, giunti al passo parcheggiamo l’auto e troviamo i cartelli indicatori.

DSC06334

Seguiamole indicazioni in direzione nord, incontriamo subito un bivio dove teniamo la destra e giungiamo ad un incrocio dove è posta la cappella dedicata alla Madonna di Caravaggio.

DSC06408

Qui troviamo i segnavia del sentiero 223 che seguiamo in direzione Cima di Grem.

DSC06335

Procediamo inizialmente in piano e poi in discesa, oltrepassiamo un bivio e continuiamo sempre seguendo le indicazioni del sentiero 223, ignorando le indicazioni per il rifugio Alpe Grem.

DSC06336

Proseguiamo sul percorso ed incontriamo un nuovo bivio dove noi manteniamo la direzione Cima di Grem, risaliamo il bosco con alcuni tornanti fino a giungere ai prati della Baita di Mezzo di Grem,

DSC06340 DSC06341

proseguiamo sul sentiero, oltrepassiamo un altro bivio mantenendoci sempre sul 223,

DSC06345

superiamo una pozza

DSC06404

e iniziamo a risalire con il faticoso tratto di sentiero

DSC06350

che ci porta alla Baita Alta di Grem 1631m,

DSC06405

superiamo la baita e continuiamo sul sentiero fino a incontrare il Bivacco Mistri 1780m.

DSC06400

 

DSC06357

Da qui proseguiamo

DSC06360

fino alla Bocchetta di Grem 1976m,

DSC06396

posta fra la Cima Foppazzi e la Cima di Grem, da qui con un ultimo strappo

DSC06395

raggiungiamo la visibile croce di vetta del Grem.

DSC06368

Il panorama è spettacolare  con magnifica vista sull’Arera, Alben, Menna e tutte le Orobie oltre alla conca di Oltre il Colle.

DSC06363

 

DSC06377

 

PUNTO DI PARTENZA : Passo di Zambla 1238m (BG)

SENTIERO:223

DISLIVELLO: 811m

DIFFICOLTA’: E

Annunci

Monte Tisa 1317m e Cima Cavlera 1320m

Il Monte Tisa e la Cima Cavlera  sono due montagne che fanno parte di una piccola catena montuosa della media Val Seriana. L’escursione ha inizio dal Santuario di S. Patrizio

DSC06048 DSC06126 DSC06119

che vale la pena di visitare e che si raggiunge da Colzate in Val Seriana seguendo le indicazioni per il Santuario. Lasciata l’auto nei parcheggi del Santuario proseguiamo sulla strada asfaltata

DSC06051

in direzione Bondo fino a trovare una deviazione a sinistra, imbocchiamo questo sentiero, dove incontriamo una Santella.

DSC06054

Il sentiero segue in parte la strada e taglia alcuni tornanti passando attraverso dei boschi. Arrivati nei pressi di Rezzo proseguiamo seguendo  il segnavia 518 e Sentiero Honio e risaliamo verso sinistra a fianco di un prato con alcune case,

DSC06055

camminiamo su stradina cementata per poi entrare in un bel bosco dove il sentiero diviene sassoso. Passiamo accanto alla bella santella di Uni dove  il sentiero devia a destra.

DSC06059

Arriviamo in località Uni dove incontriamo una grande cascina in pietra, qui il sentiero diventa una carrareccia che sale dritta davanti a noi e continuiamo sul sentiero di Honio.

DSC06110

Poco dopo ignoriamo la deviazione di sinistra per il Monte Cavlera e continuiamo sulla mulattiera fino a incontrare, a sinistra, le indicazioni per il sentiero 518 e per “Oretel” che seguiamo abbandonando la strada sterrata. Il percorso diviene più ripido e scivoloso,

DSC06060

 

attraversiamo una stretta valle, usciamo dal bosco e passiamo accanto una cascina con un bel prato, sul cui fianco troviamo il segnavia con la scritta Cavlera.

DSC06106

Proseguiamo sul sentiero che passa attraverso un bosco di faggi fino a giungere al roccolo Messina.

DSC06065

Proseguiamo su stradina fino a che troviamo un segnavia con le indicazioni per il monte Tisa.

DSC06066

Saliamo in un bosco di abeti  fino ad uscire su un pianoro con una pozza d’acqua

DSC06076

e una piccola costruzione in cemento, siamo sulla sella posta tra il monte Tisa e cima Cavlera. Ci dirigiamo prima a sinistra sulla dorsale che ci permettere di raggiungere la croce del monte Tisa

DSC06089

con bel panorama sull’Alben, sull’Arera

DSC06097

e in lontananza sulla Presolana. Torniamo ora sui nostri passi fino alla pozza e proseguiamo in direzione opposta a quella percorsa in precedenza, seguendo   intuitivamente  il percorso verso il punto più elevato che è la cima Cavlera. Da dove possiamo ammirare le pareti del monte Alben.

DSC06073

 

PUNTO DI PARTENZA : Santuario San Patrizio 674m Colzate (BG)

SENTIERO: 518, sentiero Honio

DISLIVELLO: 338m

DIFFICOLTA’: E

 

Monte Palo 1461m e Corna di Savallo 1436m

Il monte Palo e la Corna di Savallo sono le cime più alte della piccola catena che si trova alle spalle del paese di Lodrino (Bs) che va dalla Val Trompia alla Val Sabbia. L’escursione ha inizio da Lodrino che si raggiunge da Brescia seguendo la strada provinciale della Val Trompia fino a Tavernole dove si trovano le indicazioni per Lodrino. Giunti al paese seguiamo i cartelli marroni per la località Pineta fino a giungere alla trattoria Genzianella dove parcheggiamo. Qui troviamo una scalinata con dei cannoni, un monumento dedicato agli alpini  e un palo con i segnavia.

DSC06179 DSC06181

Proseguiamo, in salita, sulla strada asfaltata fino ad uno spiazzo sterrato dove troviamo altri segnavia, noi seguiamo le indicazioni per il rifugio Nasego. Il sentiero inizia in lieve salita, superiamo uno slargo con panchine e ci inoltriamo nel bosco, incontriamo  un bivio dove su albero troviamo un segnavia con indicazioni “sentiero degli alpini” qui dobbiamo prestare attenzione e proseguire sulla destra  sul sentiero che continua in piano.

DSC06247

Percorriamo un lungo traversone a mezza costa fino a giungere ad una grande roccia dove il sentiero diviene sassoso e inizia a salire.

100_2347

Continuiamo fino ad un bivio dove troviamo dei segnavia che indicano a sinistra il sentiero diretto per il Monte Palo e a destra il sentiero per il rifugio Nasego.

DSC06182

Noi imbocchiamo il sentiero di sinistra e risaliamo il ripido pendio fino ad una sella che ci immette in un bellissimo pianoro, qui troviamo i segnavia che a sinistra indicano il primo obiettivo di giornata,

DSC06212

il monte Palo mentre sul lato opposto si eleva la Corna di Savallo. Ci dirigiamo perciò a sinistra  risalendo la cresta, su una traccia evidente,

DSC06191

fino a raggiungere  dapprima l’anticima e successivamente la vetta del monte Palo con la sua grande croce.

DSC06200 DSC06192

Bello il panorama che spazia dalla pianura, alla sottostante valle di Lodrino, al Guglielmo, al Monte Ario, al lago di Garda con le sue montagne.

DSC06204

Ritorniamo sui nostri passi fino al pianoro e ci dirigiamo verso la Corna di Savallo, superiamo una radura con una baita,

DSC06214

passiamo sulla Sella di Nasego, sotto cui vi è il Rifugio Nasego.

DSC06216 DSC06239

Risaliamo la dorsale del monte fino a giungere ad stretta cresta,  dove troviamo dei corrimano che assicurano il passaggio su un tratto esposto, percorriamo questo breve tratto fino a che incontriamo  un palo su cui è posta  la targa con la scritta  “Corna di Savallo” e dove troviamo l’osservatorio con l’indicazione delle cime circostanti,

DSC06233

poco più avanti è situata la croce di Savallo.

DSC06224

Bella la vista sul lago di Garda e la valle di Casto.

DSC06236

PUNTO DI PARTENZA : Lodrino loc. Pineta (BS) 870m

SENTIERO: Rifugio Nasego, Monte Palo e Croce Savallo

DISLIVELLO: 591m

DIFFICOLTA’: E